Rose Moscata e loro Ibridi

Nascono inizialmente per opera del reverendo inglese J. Pemberton che verso la fine del 1800 utilizzò la rosa Moscata “Trier” incrociandola con le prime ibride di tea e noisette.

Comparvero rose arbustive dalla crescita morbida che producevano a ondate mazzi di fiori profumati e morbidi sulla vegetazione.

Le rose Moscata sono tutt’ora ottime rose per la loro adattabilità e versatilità. I loro rami sono morbidi, possono formare grandi arbusti o anche piccoli rampicanti: sono rifiorenti, facili e producono spesso bacche decorative.

Il lavoro di Pemberton fu proseguito da Bentall e successivamente molti altri ibridatori concentrarono le loro attenzioni sulle qualità di queste rose. In Germania W. Kordes le usò per sviluppare delle rose più resistenti agli inverni ma capaci di rifiorire e dagli anni ‘80 il Belga Luis Lens e I collaboratori Boudolf tutt’ora attivi, fecero della rosa Moscata la loro specialità.

Dalle rose Moscata, si sono originate le attuali floribunda, attraverso un’altra categoria di rose affini chiamate “Polyantha”.

Sono rosai molto decorativi e che danno soddisfazione per la loro adattabilità. Sono di aspetto “campagnolo” e romantico, senza essere sfacciate o troppo barocche.

Le varietà che proponiamo con il nome delle ville romane, come rosai sempre fioriti e versatili sono (Villa Fidelia, Villa Ada, Villa Pamphili, Villa Torlonia, Cecilia Metella, Celimontana, Aureliana, Villa Borghese ) derivano da questa categoria incrociata con le Noisette.

Mentre la maggior parte delle Moscata presenti in commercio sono state ottenute in climi temperato freddi, le varietà ottenute da Rolando Zandri, sono ottenute in clima mediterraneo, quindi nate e testate in un ambiente più caldo.

Rosai ad Arbusto - Arbustiva

Cecilia Metella® (Zancemet, R.Zandri 2015)

 10.00 25.00
 12.00 25.00
 10.00 25.00

Rosai ad Arbusto - Arbustiva

Ballerina (A.Bentall 1937)

 10.00 25.00